Gli eventi presepiali delle Pro Loco del Friuli Venezia Giulia


Un simbolo di pace e fratellanza che, come ogni Natale, partendo da Villa Manin tocca ogni angolo del Friuli Venezia Giulia. Tra dicembre 2017 e gennaio 2018 grazie all’organizzazione del Comitato del Friuli Venezia Giulia dell’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia e il sostegno della Fondazione Friuli, torna la grande rassegna “Presepi FVG”, viaggio regionale in una delle più preziose tradizioni italiane fin da quella notte di Natale del 1223 in cui San Francesco a Greccio realizzò il presepe per la prima volta. Si potranno ammirare Natività realizzate artigianalmente nei materiali più vari e in diverse dimensioni, tutte accomunate dalla sapienza e passione di coloro che le hanno create. Il progetto è stato presentato oggi 30 novembre nella sede della Fondazione Friuli a Udine.

“La Natività è il simbolo per eccellenza del Natale – ha spiegato Valter Pezzarini presidente Comitato Regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione Nazionale delle Pro loco d’Italia – capace di trasmettere emozioni e suscitare ricordi. Se ci pensate, guardando un presepe noi tutti ritorniamo un po’ bambini e ci ricordiamo di quando lo allestivamo in casa con la famiglia. Nello stesso tempo esso rappresenta un grande messaggio di pace che non smette di interrogarci anno dopo anno. Per questi motivi, che uniscono fede e tradizione delle nostre terre, ancora una volta il Comitato Regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia rinnova l’appuntamento con Presepi FVG con l’obiettivo di tramandare quello che è uno dei riti natalizi più amati dagli italiani, capace di esprimere i valori della solidarietà, del dialogo e della serenità. Perché, al di là di ogni approccio consumistico, il senso della festa è tutto racchiuso in quel bambino, posto sulla mangiatoia, che ricorda a tutti la sua più vera umanità”.

“La Fondazione Friuli – ha aggiunto il presidente Giuseppe Morandini – sostiene dagli esordi il progetto Presepi FVG, che ogni anno ci sorprende con le sue magnifiche rappresentazioni grazie alla bravura dei maestri presepisti, riportandoci alle più antiche tradizioni e alla più cara simbologia culturale e religiosa. Si tratta di un vero e proprio itinerario, che ci permetterà di scoprire luoghi spesso poco conosciuti della nostra meravigliosa regione, dove le Natività andranno a impreziosire ulteriormente borghi, chiese, monumenti e splendide aree naturalistiche. Un’atmosfera magica, in cui mi auguro tutti noi potremo ritrovarci nel vero spirito del Natale”.

Hanno portato il loro saluto anche Sergio Paroni responsabile delle relazioni esterne della Banca Popolare di Cividale che ha sottolineato come questa sia la strada giusta per tutelare una tradizione religiosa e di comunità come quella del presepe; Franco Mattiussi vicepresidente della Provincia di Udine che ha messo l’accento sull’aspetto identitario legato al territorio di tali iniziative: Feliciano Medeot direttore della Società Filologica friulana che riguardo ai presepi nelle scuole ha ricordato come nelle classi vi contribuiscano anche alunni di altre religioni; Alessandra Zoccolan di PromoTurismoFvg che ha annunciato l’avvio degli itinerari turistici in 23 siti presepiali regionali in collaborazione con le Pro Loco i quali vedranno già dal prossimo fine settimana la visita dei primi gruppi provenienti da Italia e Austria (tutte le informazioni su www.turismofvg.it/Presepi-in-Friuli-Venezia-Giulia); Paride Cargnelutti vicepresidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia che dopo i ricordi d’infanzia sul rito del presepe preparato in famiglia ha sottolineato quanto sia ancora un simbolo di unione. Presenti anche il consigliere del Comitato Pro Loco Antonio Tesolin, il segretario Marco Specia e Sabrina Peressini dell’ufficio di presidenza oltre ad alcuni dei maestri presepisti.

PARTNER PREZIOSI. Il progetto gode del patrocinio della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e della Provincia di Udine nonché della collaborazione con il Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia, ERPAC-Ente Regionale per il Patrimonio Culturale Friuli Venezia Giulia – Villa Manin, PromoTurismoFvg, Società Filologica Friulana, Messaggero Veneto e con il contributo della Banca Popolare di Cividale. Media partner Il Friuli e Telefriuli.

TANTI EVENTI IN UNO. Ecco nel dettaglio gli appuntamenti del periodo natalizio.

PRESEPI IN VILLA – Rassegna dell’Arte Presepiale in Friuli Venezia Giulia è la parte centrale del progetto: nell’Esedra di Levante di Villa Manin dal 2 dicembre 2017, con taglio del nastro alle 10, fino al 7 gennaio 2018 si potranno ammirare novante opere artigianali provenienti da tutto il Friuli Venezia Giulia e anche da fuori regione. Anche quest’anno ci sarà l’installazione di uno di essi nell’area esterna vicina alla piazza del complesso dogale, per un itinerario presepiale in questo modo che si protende ad accogliere i visitatori, i quali nelle scorse edizioni sono stati decine di migliaia. La mostra sarà aperta dal martedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18. Sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 18 con orario continuato. Rimarrà chiusa solamente il 25 dicembre mentre domenica 24 e domenica 31 dicembre (dalle 10 alle 16) e lunedì 1° gennaio (dalle 14 alle 18) sarà aperta con orario ridotto.

GIRO PRESEPI. Il Giro Presepi è la parte itinerante su tutto il territorio regionale, con 4000 presepi, da quelli monumentali a quelli che stanno dentro a una bottiglia, da quelli nelle chiese a quelli inseriti in contesti naturali di grande pregio ambientale. Le opere sono sparse in 153 tra capoluoghi comunali, frazioni e località suddivisi nelle 12 aree geografiche di Carnia, Tarvisiano, Piancavallo e Dolomiti Friulane, Gemonese, Friuli Collinare e San Daniele del Friuli, Pordenone e dintorni, Udine e dintorni, Cividale del Friuli e Valli del Natisone, Lignano Sabbiadoro e dintorni, Grado, Aquileia e dintorni, Gorizia e Collio, Trieste e Carso.

ANCHE A TRIESTE. La mostra Presepi a Trieste è realizzata grazie a una stretta collaborazione con la Presidenza del Consiglio e della Giunta regionale, nelle cui rispettive sedi verranno esposte 20 tra le migliori Natività realizzate da artisti del Friuli Venezia Giulia.

CONCORSO SCUOLE. I presepi allestiti in cinquanta istituti scolastici saranno valutati invece dalla giuria del Concorso Presepi nelle Scuole Primarie e dell’Infanzia del Friuli Venezia Giulia, che poi dopo il periodo natalizio proclamerà le opere migliori. Ci sarà anche il premio della giuria popolare: si potrà votare il proprio presepe delle scuole preferito nel concorso organizzato con Il Friuli sul suo sito web.

LA SFIDA DELLE FOTO. Il mondo del web e dei social network sarà al centro del contest fotografico collegato alle esposizioni di presepi. Ognuno potrà concorrere con la foto del proprio presepe preferito sul territorio regionale nel concorso artistico organizzato insieme al Messaggero Veneto per il quarto anno consecutivo, con spazi sia sull’edizione cartacea che digitale del quotidiano. Novità di questa edizione l’istituzione di due categorie che saranno entrambe premiate: quella dei presepi privati e quella dei presepi pubblici.

LA COMUNICAZIONE. Particolarmente curato anche l’aspetto comunicativo. Accanto al catalogo di Presepi in Villa e al depliant del Giro Presepi, ci sarà anche il sito web www.presepifvg.it. Un utile strumento per far conoscere ancora di più la bellezza delle Natività del Friuli Venezia Giulia, facilmente consultabile pure in mobilità. Anche quest’anno saranno infine curati i social network della rassegna (seguiteli tramite l’hashtag #presepifvg), a partire dalla pagina Facebook Presepi in Friuli Venezia Giulia.

Condividi questa notizia