Sagra de sa Padrula a Silius (SU)


La manifestazione è nata nell’aprile 1995, per promuovere quello che per eccellenza risulta essere il dolce tipico siliese: la formagella di formaggio, denominata dai siliesi “Pàdrula”.
Il dolce in questione è frutto di un’antichissima tradizione, custodita gelosamente e tramandata, di generazione in generazione, dalle massaie del paese; tradizione voleva che tale dolce fosse preparato a ridosso del periodo pasquale e la peculiarità di esso stava nei cosiddetti “pizzusu”, ossia la lavorazione della parte esterna del dolce dischetto di pasta, che consisteva nel formare delle piccolissime pieghette, attraverso il quale si procedeva alla chiusura dell’involucro contenente l’impasto.
L’evento, rivisitato nel corso degli anni, ha richiamato la curiosità e l’apprezzamento di centinaia e centinaia di visitatori provenienti da tutta la Sardegna, diventando nelle ultime edizioni un vero e proprio mezzo di promozione turistica per Silius.
Organizzata ogni anno in ricorrenza de “Su Sinnadroxu”, ricorrenza legata al mondo agro-pastorale e coincidente con il giorno della Ascensione, la sagra ha come scenario le strade, le piazze, gli edifici del centro storico ed i principali siti di interesse turistico del territorio siliese quali il “Castello di Orguglioso”, i siti minerari di “Muscadroxiu” e “Genna Tres Montis” e il moderno insediamento del Sardinia Radio Telescope SRT.
L’evento, rivisitato nel corso degli anni, ha richiamato la curiosità e l’apprezzamento di centinaia e centinaia di visitatori provenienti da tutta la Sardegna, diventando nelle ultime edizioni un vero e proprio mezzo di promozione turistica per Silius.
Il forte legame tra il territorio rurale e gli elementi naturali quali la terra, i siti archeologici e monumentali, le produzioni locali, i prodotti tipici e l’artigianato artistico, diventano elementi da vedere, toccare e ammirare.
I siliesi, custodi del saper fare del paese, esporranno i loro prodotti, all’interno di antiche case e antichi portali, presenti tutt’oggi nel centro storico, ed essi, insieme ai beni monumentali e agli edifici storici principali, costituiranno un itinerario turistico denominato “Potalis Antigus”; siffatto itinerario alla riscoperta del passato permetterà un viaggio esperienziale, guidato all’interno della tradizione, delle produzioni e dei segreti custoditi nei costumi e nei prodotti locali.

Info: prolocosilius@tiscali.it

Condividi questa notizia