Legge di tutela e promozione lingua napoletana, La Spina: “Apprezzamento per norma che tutale importante patrimonio culturale”


ROMA, 28 giugno 2019) -“Esprimo apprezzamento per l’approvazione da parte del Consiglio regionale della Campania della legge che tutela e promuove la lingua napoletana. La previsione dell’istituzione di un comitato scientifico e la realizzazione del Centro regionale per la documentazione e studi sull’identità linguistica culturale della Campania, arricchiscono un dettato normativo che centra in pieno l’obbiettivo di tutelare un importante patrimonio culturale immateriale” lo afferma il presidente dell’Unione Nazione delle Pro Loco d’Italia, Antonino La Spina.
L’Unpli è tra le 176 realtà mondiali accreditate presso l’Unesco ai sensi della Convenzione per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale del 2003: un risultato conseguito grazie all’impegno profuso nella sensibilizzazione delle Pro Loco e delle comunità locali sui temi legati alle potenzialità dei beni immateriali, ma anche alla loro fragilità.
“Con un’azione capillare avviata su tutto il territorio nazionale – prosegue La Spina – le Pro Loco Unpli sono in prima fila nella tutela e valorizzazione del patrimonio immateriale culturale. Un’attività esercitata, fra l’altro, recuperando e valorizzando tradizioni, rievocazioni storiche, dialetti e le lingue locali” .
Iniziative sfociate nella creazione di un inventario online (il canale youtube Memoria Immateriale) che conta migliaia di video sui temi della Convenzione Unesco del 2003 (saperi, tradizioni, artigianato, oralità, riti, conoscenze, pratiche sociali, ecc.).
Condividi questa notizia