Sapori d’Autunno a Montefano (MC) | 25 – 27 ottobre 2019


L’atteso evento dell’autunno da appuntamento anche quest’anno il 25, 26 e il 27 ottobre a Montefano, “terra dell’armonia”.
Degustazioni, racconti, sapori e antichi saperi. Stand gastronomici, con piatti tipici, vino nuovo e castagne. Fiera enogastronomica e artigianale. Musica dal vivo e balli … e tante novità: un convegno, il 25 ottobre, dal titolo “Il buon vivere e il buon mangiare” all’interno dello stand gastronomico in via Leopardi e “l’angolo degli stravizi”, con i sigari toscani e la degustazione di distillati MelettI.
Esistono gusti, profumi e tradizioni antiche che uniscono in modo ideale i luoghi e le persone, facendo tornare alla mente sapori lontani, quando la cura ed il rispetto della terra si fondevano con la tradizione e la storia.
Conservare i sapori e confrontare i saperi, difendere il territorio e diffondere i suoi prodotti, mantenere le tradizioni e conservare la tipicità e la genuinità delle materie prime, promuovere la civiltà della tavola e portare a tavola la storia.
Sono questi gli ingredienti base di Sapori d’Autunno, un sapiente mix di profumi, aromi e colori che ricalcano il carattere dell’autunno, con attività e proposte dedicate a chi ama i sapori autentici e le antiche tradizioni, offrendo l’occasione per scoprire i tanti volti del nostro territorio ed i valori autentici delle nostre tradizioni gastronomiche.
Miele e vini, pane e salumi, conserve e tisane, erbe aromatiche e prodotti per l’agricoltura, e tante altre proposte promosse da produttori locali si potranno acquistare nella fiera dei prodotti tipici che vuole essere omaggio alle eccellenze del territorio ed avvicinare i visitatori alla conoscenza delle produzioni per valorizzare l’offerta enogastronomica della Terra delle Armonie.
Gli stand creano così un curioso itinerario del gusto, capace di intrecciare gastronomia e cultura, e diventano strumento per promuovere ricette e prodotti e stimolare il confronto con i produttori, viticoltori ed appassionati che desiderano comunicare la propria storia e le proprie esperienze per definire i confini territoriali del gusto.

Condividi questa notizia