Salva la tua lingua locale – in Campidoglio una giornata piena di cultura


CULTURA: IV PREMIO NAZIONALE “SALVA LA TUA LINGUA LOCALE”

DE FILIPPO (SOTTOSEGRETARIO MIUR): “GRANDE INTERESSE PER INIZIATIVA E PER AZIONE PRO LOCO SU IDENTITA’ TERRITORIALI”

LA SPINA (PRO LOCO D’ITALIA): “LINGUE LOCALI E DIALETTI, PATRIMONIO CULTURALE DA TUTELARE”

 

Vito De Filippo – sottosegretario al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca

ROMA 9 febbraio 2017) “E’ un’iniziativa molto interessante e costituisce un esempio per ricostruire relazioni più forti in termini di identità e di cultura. Il mondo della scuola guarda con grande attenzione a questo tipo di attività”, lo ha affermato il sottosegretario al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, Vito De Filippo intervenendo alla cerimonia di premiazione della quarta edizione del premio nazionale “Salva la tua lingua locale” che si è tenuta stamani, in una gremita sala della Protomoteca in Campidoglio.

“Ci sarebbe da fare sempre di più in termini di attività– ha continuato De Filippo – affinché il lavoro svolto dalle Pro Loco sui dialetti o sulle identità territoriali possa entrare sempre di più nel mondo della scuola. In tal senso – conclude – la presenza del Miur a questo premio non è soltanto formale, ma di grande interesse e grande attenzione”.

Complessivamente sono 550 gli elaborati ricevuti e 220 i partecipanti per le sezioni (prosa edita ed inedita; poesia edita ed inedita; musica) previste dall’ambito riconoscimento. Importante riscontro anche per la sezione riservata alle scuole, inoltre, che ha registrato l’adesione di oltre 40 istituti, in rappresentanza di sei regioni, con oltre 800 alunni coinvolti.

Il Premio è stato insignito della Medaglia del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a dimostrazione della rilevanza nazionale dell’evento e del suo alto valore culturale.

Antonino La Spina – Presidente delle Pro Loco d’Italia

“Le lingue locali e i dialetti rappresentano un patrimonio culturale che accomuna tutti: salvarli significa tutelare l’identità culturale del nostro Paese, in fondo rappresentano il ‘Dna’ che ci lega al nostro territorio” ha sottolineato il presidente delle Pro Loco d’Italia, Antonino La Spina nel corso del suo intervento.

“L’interesse e la crescente partecipazione al premio, che anche in questa edizione ha ottenuto prestigiosi patrocini, ci inducono ad rafforzare la costante opera di salvaguardia dei dialetti e dalle lingue locali; azione nella quale rientrano la “Giornata nazionale del dialetto”, con oltre un centinaio di eventi organizzati dalle Pro Loco, e l’implementazione del canale “Memoria Immateriale” (su Youtube) che contiene oltre 1300 video rappresentando l’inventario on line delle tradizioni italiane” ha concluso La Spina.

La manifestazione è organizzata dall’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia, in collaborazione con Legautonomie Lazio, il Centro di documentazione per la poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”, il Centro Internazionale Eugenio Montale e l’Ong “Eip-Scuola Strumento di Pace”.

“Sono molto soddisfatto dell’esito di questa edizione perché ancora una volta la qualità e la quantità di questa benemerita iniziativa è in crescita. Riscontriamo con piacere, inoltre, anche gli elaborati pervenuti da tutte le generazioni. La battaglia delle Pro Loco per salvare le lingua locali mi sembra stia proseguendo bene” ha commentato Pietro Gibellini, presidente della giuria del Premio Nazionale “Salva la tua lingua locale”.

Commosso e partecipato, inoltre, il ricordo che lo stesso Gibellini ha tributato, a nome di tutti gli organizzatori, all’insigne linguista Tullio De Mauro, presidente onorario del premio sino alla sua recente scomparsa, sottolineandone l’impegno a favore della lingua italiana e della salvaguardia dei dialetti.

“E’ un’iniziativa consolidata – ha sottolineato Bruno Manzi, presidente di Legautonomie Lazio – che ogni anno riscontra una partecipazione sempre più ampia. Rappresenta – continua – un tema di grande importanza per far conoscere tradizioni e proprie identità dei territori”.

La giuria del Premio Nazionale “Salva la tua lingua locale” è composta da Pietro Gibellini (Presidente), Ugo Vignuzzi, Franco Loi, Vincenzo Luciani, Luigi Manzi, Cosma Siani, Toni Cosenza. Gli elaborati dei vincitori e dei finalisti delle singole categorie sono stati raccolti in un’antologia che è stata distribuita durante la cerimonia. Il Premio ha ricevuto il patrocinio del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, del Mibact e della Commissione nazionale UNESCO, dell’assessorato alla Crescita culturale del Comune di Roma.

Condividi questa notizia