Festa per le Pro Loco, “Abbiamo dato sostanza al termine solidarietà”


LORETO - “È stata una giornata particolarmente emozionante, durante la quale le Pro Loco, come tutti i giorni, hanno dato sostanza al termine solidarietà e spirito di appartenenza. Dalla sfilata, all’offertorio durante la Santa Messa, ogni singolo momento è stato scandito dalla voglia delle Pro Loco di dare il proprio contributo per far rinascere i territori colpiti dal terremoto” lo afferma il presidente delle Pro Loco d’Italia, Antonino La Spina, a conclusione della “Feste per le Pro Loco” organizzata dal Comitato regionale Unpli Marche, in collaborazione con la Pro Loco di Loreto ed il Rettore della Santa Casa, alla quale oggi, a Loreto, hanno preso parte circa 80 associazioni di promozione turistica con al fianco oltre un centinaio di  sindaci.

All’evento, patrocinato dalla Presidenza della Camera dei Deputati e dal Consiglio regionale delle  Marche, hanno partecipato, fra gli altri, il  vice presidente del Consiglio regionale delle Marche, Claudio Minardi e l’assessore regionale al Turismo, Moreno Pieroni.

Particolarmente significativo il momento dell'offertorio durante la Santa Messa celebrata nella Basilica di Loreto. “Tutte le Pro Loco – continua La Spina -  hanno voluto offrire un simbolo del loro territorio. Toccante il momento della Pro Loco di Arquata del Tronto, uno dei paesi simbolo della devastazione del terremoto, che ha voluto essere presente nonostante tutte le difficoltà dimostrando la voglia di andare avanti”.

I volontari della Pro Loco di Arquata del Tronto, accompagnati da La Spina e dal presidente Unpli Marche, Mario Borroni, hanno donato all’arcivescovo delegato pontificio di Loreto, mons. Giovanni Tonucci, una pietra del Castello, come simbolo della volontà di ricostruire. “Nonostante le grandi problematicità – afferma il presidente di Unpli Marche, Mario Borroni -  molte Pro Loco dei comuni del cratere, circa una trentina, hanno fatto in modo di essere presenti. All’evento hanno preso parte anche i presidenti delle Pro Loco di Umbria, Francesco Fiorelli, dell’Abruzzo, Paola Di Francescantonio, e del  Lazio, rappresentato dal consigliere nazionale Ernesto Fanfoni, per testimoniare la vicinanza e la volontà di lavorare insieme”.

La grande famiglia delle Pro Loco riunite nell’UNPLI  si è attivata sin da fine agosto avviando una campagna di raccolta fondi e lanciando l’iniziativa dal titolo “Un’amatriciana per Amatrice”; complessivamente sono stati oltre 200 gli eventi organizzati.  Con entrambe le iniziative sono stat raccolti, in totale, circa 350mila euro (tutti i dettagli qui), più gli aiuti che le Pro Loco di tutt’Italia hanno fatto pervenire direttamente alle consorelle del cratere.

Si è già provveduto alla ripartizione di queste somme, alle Pro Loco della Marche l’Unpli ha versato 60mila euro (30 mila per la Pro Loco di Arquata del Tronto, 6mila per quelle di Pro Loco Castelsantangelo sul Nera,  Montegallo, Montemonaco,  Acquasanta Terme e  Montefortino).

Ufficio stampa Unpli
Ludovico Licciardello

 

Condividi questa notizia