Una regione ricca di mastri presepisti


di Davide Francescutti

Seppur nato nel Centro Italia, il presepe da secoli fa parte anche della tradizione del Friuli Venezia Giulia, dove tanti mastri artigiani li realizzano con i più svariati materiali, da quelli in apparenza più poveri a quelli più ricercati e creativi, senza dimenticare i tradizionali legno, ceramica e pietra, oppure con il materiale più tipico del territorio, ovvero le foglie essiccate di granoturco. Un’antica sapienza che costella tutto il territorio regionale e che il turista può scoprire ammirando le meravigliose installazioni presepiali raccolte grazie all’organizzazione del Comitato del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale Pro loco d’Italia, che anche questo inverno proporrà la grande rassegna “Presepi in Friuli Venezia Giulia”, viaggio in una delle più preziose tradizioni italiane fin da quella notte di Natale del 1223 in cui San Francesco a Greccio realizzò il primo presepe della storia diffondendo poi questa consuetudine in tutto lo Stivale, Nord Est compreso. I visitatori potranno ammirare 100 tra le installazioni presepiali più belle tra quelle realizzate dagli artigiani del territorio nell’Esedra di Levante di Villa Manin dal 2 dicembre al 7 gennaio. Esse sono di tutte le dimensioni e sono realizzate, come detto, con vari materiali. Ma tutti i presepi hanno uno spirito in comune: quello che hanno saputo infondere in loro le mani sapienti degli artisti che li hanno realizzati. In più nella mostra c’è anche una sezione dedicata alle natività create dagli alunni delle scuole dell’infanzia e primarie che hanno vinto lo scorso anno il concorso del Comitato a loro dedicato e che sarà riproposto anche in questo Natale 2017. “Ogni anno organizziamo queste iniziative perché il presepe - spiega Valter Pezzarini, presidente del Comitato regionale delle Pro Loco - è un simbolo non solo di fede ma anche di cultura: per questo ancora una volta siamo lieti e orgogliosi di raccogliere in un’unica rassegna tutti i presepi del territorio, dalle cime montuose delle Alpi fino alle rive del Mare Adriatico passando per le colline e la pianura. Migliaia di persone negli scorsi anni hanno potuto ammirare queste creazioni scoprendo nello stesso tempo le bellezze artistiche e naturali della nostra meravigliosa regione nella quale sono inserite”. Perché infatti dalla mostra in Villa Manin partono una serie di itinerari sul resto del territorio regionale raccolti nel “Giro Presepi”, il quale permette di scoprire Natività allestite nelle vie dei borghi più belli, nelle chiese più antiche, nelle aree naturali più incontaminate. Un viaggio che comprende anche la sezione allestita nel capoluogo regionale, dove due luoghi simbolo dell’autonomia del Friuli Venezia Giulia, ovvero le sedi della Presidenza del Consiglio regionale e della Giunta regionale ospitano altri selezionati presepi. La tradizione presepiale locale comprende pure degli allestimenti cosiddetti monumentali, dove con figure ad altezza di persona e abili ricostruzioni della Palestina del periodo evangelico si può letteralmente entrare all’interno della natività. Tra questi da segnalare quello di Sutrio. Vi sono poi i presepi viventi, con figuranti che impersonificano i personaggi della lieta novella: da non perdere quello che si svolge la sera della vigilia di Natale alla millenaria Abbazia di Sesto al Reghena. E se sulle montagne regionali il presepe s’incontra con antiche tradizioni nordiche come quella dei Krampus, orridi aiutanti di San Nicola che spaventano i bimbi cattivi, al mare il presepe si sposa con le caratteristiche dei luoghi, diventando di sabbia a Lignano Sabbiadoro e venendo allestito sulle barche a Grado.

INFORMAZIONI UTILI

La mostra “Presepi in Friuli Venezia Giulia” sarà visitabile liberamente nell’Esedra di Levante di Villa Manin dal 2 dicembre 2017 fino al 7 gennaio 2018. Si potranno ammirare presepi artigianali provenienti da tutto il Friuli Venezia Giulia e anche da fuori regione. Gli itinerari del Giro Presepi sono invece consultabili sul sito www.presepifvg.it, dove si potranno anche trovare date e orari di apertura della mostra in Villa.

Il mastro presepista premiato da Mattarella
Perfino il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha lodato la bellezza dei presepi del Friuli Venezia Giulia visto che uno di questi, realizzato dal maestro Lorenzo Boemo, è stato esposto nel Natale 2015 al Palazzo del Quirinale. Artista dalla lunga esperienza, Boemo è di Grado, l’Isola del Sole che lungo i secoli conobbe varie dominazioni tra cui quella romana e bizantina. Elementi in mosaico, fondi dorati, figure eteree e altri omaggi alla sua città sono quindi ben visibili nelle sue opere, che gli richiedono mesi di lavoro.

 

Condividi questa notizia