Ecodays: il 59% delle Pro Loco ha promosso passeggiate organizzate, il 35% azioni di salvaguardia dell’ambiente


 

 NOVARA – Il 59% delle Pro Loco ha promosso passeggiate organizzate, il 35% si è speso in azioni concrete di salvaguardia dell’ambiente, quasi 500, invece, quelle che gestiscono o partecipano alla gestione di siti naturalisti o di interesse ambientale.  

Si tratta di alcuni dei dati in tema di ambiente e sostenibilità ambientale resi noti nel corso della presentazione del libro “Pro Loco – Risorsa per il territorio”, edito da Marsilio, che si è tenuta stamani nel Castello Visconteo di Novara, nell’ambito degli “Ecodays per la natura e l’ambiente” organizzati dall’Unione Nazionale delle Pro Loco, Dipartimento Ambiente e Parchi.

I dati sono stati elaborati dal Centro Studi Sintesi della Cgia di Mestre e si riferiscono al 2018, dando, insieme alla complessiva analisi realizzata, un preciso quadro della complessiva azione svolta dalle 6300 Pro Loco e del conseguente impatto socioeconomico.

“Il Piemonte è un fermento di iniziative, una situazione per la quale ringrazio chi, come le Pro Loco, non si è arreso; in tal senso è indispensabile il supporto che l’Unpli dà alle Pro Loco al fine di guidarle nell’applicazione delle varie normative (fiscali, sicurezza sul lavoro, ambientali, anti-covi) da osservare per l’organizzazione degli eventi. Quello che le Pro Loco organizzano e lasciano sul territorio, aumenta il Pil come confermato dallo studio che si presenta oggi” ha detto il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, intervenendo, in streaming, alla presentazione.

“L’attenzione delle Pro Loco per la tutela dell’ambiente è sempre stata alta ed ha per punto fermo la valorizzazione oculata ed eco sostenibile delle risorse naturali. Le Pro Loco svolgono così un’azione che è già in linea con la transizione verso un turismo sostenibile auspicata dal Parlamento Europeo, promuovendo una scoperta “lenta” dei territori, della natura e dei paesaggi, di cui ne salvaguardano il patrimonio naturale, su itinerari a piedi, in bicicletta o a cavallo” ha affermato il presidente dell’Unpli, Antonino La Spina, nel corso del suo intervento.

Per Andrea Favaretto, direttore Centro Studi Sintesi della Cgia di Mestre: “La valorizzazione del territorio da parte delle Pro Loco trova espressione anche in tutto ciò che è destinato a sostenere e promuovere la conoscenza e la tutela delle risorse paesaggistiche, ambientali e naturali dei luoghi in cui esse operano”.

“Promuovendo i vecchi mestieri legati alla cura dell’ambiente e le tradizioni legate al succedersi stagionale dei lavori agricoli, le Pro Loco valorizzano e tutelano gli aspetti paesaggistici e naturalistici che in molti casi hanno assunto valore di veri e propri patrimoni culturali” ha puntualizzato Fernando Tomasello, vicepresidente Unpli e responsabile dipartimento Cultura e Patrimonio immateriale.  

Stefano Raso, vicepresidente di Unpli Piemonte e responsabile Ambiente e Parchi dell’Unpli, ha moderato l’incontro evidenziando come sia “fondamentale proseguire il percorso avviato dall’Unpli negli ultimi anni in chiave di sensibilizzazione ambientale e azioni concrete di salvaguardia ambientale”.

Raso, inoltre, ha annunciato che “stiamo lavorando con determinazione alla costruzione del dipartimento Ambiente con il suo codice Etico e la sua Carta dei valori ambientali. Valori in cui si riconosceranno tutte le nostre Pro Loco. Diverse saranno inoltre le collaborazioni, già avviate e nuove, con altri enti, associazioni e aziende per creare una rete sinergica di sensibilizzazione nazionale”.

“Gli straordinari numeri presentati dalla Cgia di Mestre ci rendono orgogliosi e sono il fiore all’occhiello di due giorni densi di significativi appuntamenti” ha commentato Fabrizio Ricciardi, presidente del comitato regionale Piemonte dell’Unpli.

Alla presentazione sono intervenuti in presenza o da remoto, fra gli altri, anche il vicepresidente della Regione Piemonte, Fabio Carosso, gli assessori regionali alla Cultura e Ambiente, rispettivamente Vittoria Poggio e Matteo Marnati, l’on. Luigi Bobba, Presidente di Terzjus, ed anche Massimo Zanetta, Presidente Provinciale Unpli Novara Aps, e Caterina Zadra, Presidente Pro Loco Novara; presente anche la giunta Unpli e numerosi rappresentanti del mondo Unpli.

Nel pomeriggio i lavori continuano con la “Tavola rotonda: Pro Loco Ambiente e Parchi” cui parteciperanno i rappresentanti delle principali associazioni nazionali che si occupano di ambiente e natura ed i referenti di aree protette e parchi.

Gli “Ecodays per la natura e l’ambiente” sono organizzati dall’Unione Nazionale delle Pro Loco, Dipartimento Ambiente e Parchi in collaborazione con Federparchi e con il patrocinio della Regione Piemonte, della Provincia di Novara, del Comune di Novara, di Atl Provincia di Nova, di Mater-Bi, delle Aree Protette del Ticino e le Lago Maggiore, dell’Unesco, di Mab (Man and the Biosphere Programme) e di Ticino Val Grande Verbano-Biosphere.

 

 

 

 

​Ludovico Licciardello

Addetto Stampa Unpli

Giornalista professionista

tessera Odg 75356

M. ufficiostampa@unpli.info

T. +39 3346109534

 

 

Riccardo Milan

Responsabile Comunicazione Unpli Piemonte

 

Raffaele Vacca

Responsabile Comunicazione Unpli Liguria

 

Condividi questa notizia