La Festa della Musica non ha confini – 21 giugno 2020


Riceviamo e pubblichiamo dalla Segreteria Organizzativa della Festa della Musica.

È stato molto difficile, quest'anno, prendere una decisione organizzativa sulla Festa della Musica 2020, considerando le regole sanitarie imposte e lo stato delle regioni molte delle quali fortemente colpite.

Spegnere tutto e non suonare proprio per quel giorno? Far passare il 21 giugno come un giorno qualunque? Decisioni che, secondo noi, avrebbero appesantito ancora di più la situazione dalla quale stiamo pian piano uscendo e contro la tendenza di ripresa alla quale ci stiamo avviando.

La FESTA DELLA MUSICA SI FARÀ, si farà per dare voce a tutti gli artisti che per troppo tempo sono stati fermi, si farà perché come abbiamo visto nei numerosi flash-mob dai balconi, la musica aiuta a stare meglio, regala momenti di comunione e vicinanza, si farà perché è giusto accogliere l’estate come abbiamo sempre fatto anche se con un'atmosfera diversa

Non sarà sicuramente una FESTA come gli altri anni, ma sarà un segnale di "ripresa", un momento in cui esprimere che la voglia di vivere e di ritorno alla normalità è più forte di ogni paura.

Si prediligeranno concerti digitali, eventi nei cortili o nei giardini delle case per avere un pubblico dalle finestre o dai balconi, eventi davanti ai portoni, sulle terrazze, dando spazio a idee originali per riscoprire la musica.

Considerando la situazione, accetteremo ogni tipo di iniziativa svolta per la Festa della Musica, nelle modalità che ogni Città riterrà più opportune.

 


L’arrivo dell’estate porterà la musica nelle nostre case!

Quando è stato deciso il tema della Festa della Musica 2020 eravamo ancora all’oscuro di quello che sarebbe accaduto di lì a poco, eppure non si poteva scegliere tema più appropriato.

Quest’anno la manifestazione si propone di superare i “confini architettonici” delle nostre case, delle strutture ospedaliere, delle carceri e di tutti gli altri luoghi in cui stiamo trascorrendo il nostro tempo e far entrare la musica dal vivo.

L'AIPFM, invita i Comuni, le Associazioni, le Pro Loco, le Bande, gli Artisti e tutti gli altri organizzatori della manifestazione a portare la musica al pubblico, organizzando esibizioni nelle piazze, nei cortili, nei rioni o sui terrazzi condominiali, in quelle postazioni in cui la gente possa affacciarsi dai balconi o dalle finestre, limitando così gli assembramenti, l'allestimento di palchi e l'iter che il governo ha previsto per l'organizzazione di concerti, ma facendo comunque partecipare il pubblico.

In base al decreto del 17 maggio, relativo all'organizzazione di spettacoli dal vivo, sarà possibile svolgere concerti all'aperto e al chiuso, mantenendo le distanze di sicurezza sia per gli artisti che per il pubblico.

Considerando la situazione straordinaria nella quale ci troviamo, accetteremo, comunque, ogni tipo di iniziativa svolta per la Festa della Musica, nelle modalità che ogni realtà riterrà più opportuna perchè riteniamo necessario lanciare un segnale di ripresa anche nel settore musicale.

Il 21 giugno 2020, una occasione per rendere unica una giornata speciale!

 


ISCRIZIONE

Per procedere con le iscrizioni si può compilare il formulario pubblicato di seguito oppure visitare il sito della Festa della Musica.

Una volta effettuata l’iscrizione vi preghiamo di informare anche il vostro Comitato regionale UNPLI. 

A breve verrete poi contattati dalla Segreteria Organizzativa della Festa della Musica per finalizzare l'iscrizione.

Per ogni ulteriore informazione potete contattare il referente UNPLI, Gabriele Desiderio all'indirizzo progetti@unpli.info.

Per maggiori approfondimenti vai al sito della Festa della Musica


Iscrizione Pro Loco

  • La Festa della Musica, nata in Francia nel 1982, ha visto i suoi primi sviluppi in Europa nel 1985 in occasione dell'anno europeo della Musica. A partire dal 1995, gli organismi pubblici e privati qui riuniti, sono co-organizzatori di una Festa europea della Musica, ogni 21 giugno, al fine di testimoniare, attraverso un avvenimento comune, la volontà di favorire una migliore conoscenza delle realtà artistiche attuali dei propri paesi, e di sviluppare gli scambi, in ambito musicale, tra i paesi dell'Unione europea e della grande Europa.
    Questo avvenimento prende forma attraverso una grande manifestazione locale in ciascuno dei paesi o in ciascuna delle collettività partner, e ha la finalità di favorire gli incontri multilaterali tra musicisti europei. La Festa Europea della Musica ha per vocazione il rafforzarsi della cooperazione europea con l'appoggio degli associati affinché possano emergere le collaborazioni tra i partner per contribuire allo sviluppo di una Cultura Europea.
    In questo spirito, la Festa europea della Musica si fonda sui seguenti principi:
    1. La Festa europea della Musica si svolge, ogni anno, il 21 giugno, giorno del solstizio d'estate.
    2. La Festa europea della Musica è una celebrazione della musica dal vivo destinata a valorizzare la molteplicità e la diversità delle pratiche musicali, per tutti i generi di musica.
    3. La Festa europea della Musica è un appello alla partecipazione spontanea e all'espressione gratuita di tutti i musicisti, professionisti e amatori, solisti e di gruppo, e di tutte le istituzioni musicali.
    4. Tutti i concerti sono gratuiti per il pubblico.
    5. La Festa europea della Musica è soprattutto una manifestazione all'aperto che si svolge nelle strade, sulle piazze, nei giardini pubblici, nei cortili... Alcuni luoghi al chiuso possono essere ugualmente impiegati ma solamente se praticano la regola dell'accesso gratuito al pubblico. La Festa europea della Musica è anche l'occasione per utilizzare o aprire eccezionalmente al pubblico alcuni luoghi che non sono, tradizionalmente, dei luoghi di concerti: musei, ospedali, edifici pubblici ecc.
    6. La Festa europea de la Musica è una giornata eccezionale per tutte le musiche e tutti i pubblici. I co-organizzatori si impegnano a promuovere, in questo quadro, la pratica musicale e la musica dal vivo senza fini né spirito di lucro.
    7. I co-organizzatori si impegnano a rispettare lo spirito e i principi fondamentali della Festa europea della Musica come annunciati in questa carta.

    L'assemblea conferma la sua decisione presa a Berlino il 28 febbraio 1997, di conferire all'A.D.C.E.P. il segretariato permanente della Festa europea della Musica.

    Budapest, 1 novembre 1997
    ----------------------

 

Referente operativo Pro Loco

 

Descrizione evento

 

Iscrizione artisti

 

Verifica

 

 

Condividi questa notizia