L’Unpli entra a far parte degli Stati Generali del Patrimonio Italiano che si insediano oggi


COMUNICATO STAMPA

 

L’UNPLI ENTRA A FAR PARTE DEGLI STATI GENERALI DEL PATRIMONIO

 

Roma, 20 maggio) L’Unpli entra a far parte con un ruolo attivo degli Stati Generali del Patrimonio che si insediano oggi a Roma. Per la prima volta in settantacinque  anni  di  vita  repubblicana è stata istituita una consulta di confronto a costituita  da 150 delegati ed esperti, in rappresentanza delle più autorevoli ed importanti organizzazioni private e pubbliche che operano nel settore del patrimonio. Gli Stati Generali del Patrimonio Italiano intendono rappresentare una assemblea permanente e plenaria.

L’Esercizio 2021/2022

L’azione della consulta  includerà  attività  quali  il  lavoro  delle  commissioni  di  settore, l’aggiornamento dell’indagine conoscitiva e della mappatura delle organizzazioni private e pubbliche che  operano  nel  settore,  la  redazione  del  Piano  Strategico  del  Patrimonio Italiano, la  pianificazione  dei  rapporti  e  delle  relazioni  con  le  principali  istituzioni internazionali e nazionali.

 Il Piano Strategico

L’Assemblea provvederà a redigere, apportando costanti e progressivi aggiornamenti e integrazioni,  un  documento  denominato  “Piano  Strategico  del  Patrimonio  Italiano  – Rapporto  degli  Stati  Generali  del  Patrimonio  Italiano”  che  conterrà  le  indicazioni,  le iniziative, le proposte e le strategie di promozione, di sviluppo e di valorizzazione del Patrimonio Italiano, condivise e sostenute dalle organizzazioni coinvolte. 

 Indagine Conoscitiva e Mappatura

L’organizzazione  degli  Stati  Generali  fornirà  l’opportunità  di  redigere  una  indagine conoscitiva ed una mappatura relativa agli organismi e alle organizzazioni che operano nel settore del patrimonio. Una prima osservazione ha già messo in evidenza l’attività di oltre 800 soggetti legalmente costituiti o istituiti, considerati di rilevanza nazionale. Un imponente sistema che, in assenza di un coordinamento, rischia di rendere debole e limitata l’azione dei singoli soggetti ed impedisce di beneficiare di un’opera congiunta, integrata e sinergica che risulterebbe certamente più efficace.

Le Commissioni 

Undici commissioni di settore che lavoreranno per un anno con l’obiettivo di redigere il piano strategico del patrimonio che rappresenterà il “metodo” per tutte le organizzazioni che operano nel settore.

 

www.statigeneralipatrimonio.it
#patrimonioitaliano #statigeneralidelpatrimonio

 

Condividi questa notizia