L’Unpli sostiene e partecipa al progetto “2023 Anno del turismo di ritorno”


COMUNICATO STAMPA

L’UNPLI SOSTIENE E PARTECIPA AL PROGETTO “2023 ANNO DEL TURISMO DI RITORNO”

LA SPINA: “INIZIATIVA DI ALTISSIMO LIVELLO, PRONTI A FARE LA NOSTRA PARTE”

 

 

Napoli, 20 marzo 2022)  L’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia  sostiene e partecipa al progetto “2023 Anno del Turismo di Ritorno” presentato, in conferenza stampa, nell’ambito della Borsa Mediterranea del Turismo in svolgimento a Napoli. 

Il progetto è promosso da “Rete Destinazione Sud” e  si rivolge  ai nostri connazionali residenti all’estero e agli oltre 70 milioni di connazionali di 3ª, 4ª e 5ª generazione che vivono all’estero. 

L’idea che muove il progetto è quella di rilanciare l’immagine dell’Italia e di promuovere il Paese attraendo turismo e investimenti, favorendo l’export, gli incontri commerciali e creando collaborazioni stabili con i nostri connazionali.

A nome delle Pro Loco d’Italia aderenti all’Unpli Aps manifesto piena condivisione e apprezzamento per “2023 Anno del Turismo di Ritorno” un progetto di altissimo livello”  ha affermato il presidente dell’Unpli Aps, Antonino La Spina,  durante la presentazione.

” Siamo pronti -ha continuato  La Spina – a fare convintamente la nostra parte con l’avvio di azioni e iniziative, promosse dalla capillare rete delle nostre associate, per accogliere i nostri connazionali residenti all’estero“.

 Il progetto prevede la realizzazione di manifestazioni ed eventi con diversi tematiche e obiettivi, che verranno organizzati in tutta Italia e che saranno realizzati da marzo 2023 a gennaio 2024. Sono previste manifestazioni gastronomiche, culturali, musicali, tour, confronti, dibattiti, esposizioni, incontri d’affari, workshop, missioni economiche.

“Con tale iniziativa le tante specificità culturali e locali potranno avvalersi di una strategia unitaria nazionale condivisa e capace di dare valore globale al patrimonio locale fatto d’impegno quotidiano nella difesa delle tradizioni e tesa allo sviluppo dei territori” ha sottolineato nel corso della presentazione Michelangelo Luigi, Presidente di Rete Destinazione Sud.

 L’Idea che muove il progetto è quella di rilanciare l’immagine dell’Italia e di promuovere il Paese attraendo turismo e investimenti, favorendo l’export, gli incontri commerciali e creando collaborazioni stabili con i nostri connazionali. 

Il Turismo di Ritorno sarà una leva che ci consentirà, attraverso la promozione delle tradizioni regionali, delle eccellenze, dei borghi e dei territori da dove è partita l’emigrazione, di intercettare i nostri connazionali che sono interessati alla ricerca delle proprie origini e a conoscere l’Italia.

Alla conferenza sono intervenuti anche: Marco Bussone, Presidente Unione Nazionale dei Comuni e delle Comunità Montane; Valeria Ciarambino, Vice Presidente del Consiglio Regionale della Campania; Davide Carlucci, Coordinatore Gruppo Sindaci Recovery Sud; Felice Casueci, Assessore al Turismo Regione Campania; Francesco Giacobbe, Senatore della Repubblica; Fausto Orsomarso, Assessore al Turismo Regione Calabria; Rosanna Mazzia, Presidente Nazionale Associazione Borghi Autentici d’Italia; Fiorello Primi, Presidente Nazionale Associazione Borghi più Belli d’Italia; Michela Sciurpa, Amministratore Unico Sviluppo Umbria; Sabrina Talarico, Presidente Nazionale Gruppo Stampa Turistica; moderatore, Antonio Ferrara, La Repubblica.

 

 

Condividi questa notizia