Nuovo Dpcm di ottobre, le nuove misure e gli enti del terzo settore


E’ in via di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale di oggi, 13/10/2020 il nuovo DPCM che, visto l’andamento dell’emergenza epidemiologica, dispone alcuni provvedimenti tesi a porre attenzioni o restrizioni, validi sino al 13 novembre 2020..

Alcuni di essi possono riguardare anche gli enti del terzo settore. Di seguito ne riportiamo alcuni, ricordando che tutte le attivitĂ  consentite debbono rispettare gli appropriati protocolli di sicurezza, rimandando comunque alla lettura di tutto il DPCM per un opportuno approfondimento.

  • è fatto obbligo sull’intero territorio nazionale di avere sempre con sĂ© e di indossare la mascherina nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto a eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi;
  • va mantenuta una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;
    è consentito l’accesso di bambini e ragazzi a luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative, anche non formali, al chiuso o all’aria aperta, con l’ausilio di operatori cui affidarli in custodia;
  • è consentito svolgere attivitĂ  sportiva o attivitĂ  motoria all’aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, ove accessibili, purchĂ© comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attivitĂ  sportiva e di almeno un metro per ogni altra attivitĂ  salvo che non sia necessaria la presenza di un accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti;
  • sono consentite l’attivitĂ  sportiva di base e l’attivitĂ  motoria in genere svolte presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati, ovvero presso altre strutture ove si svolgono attivitĂ  dirette al benessere dell’individuo attraverso l’esercizio fisico;
  • sono invece vietate tutte le gare, le competizioni e tutte le attivitĂ  connesse agli sport di contatto, come sopra individuati, aventi carattere amatoriale;
    gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto sono svolti con posti a sedere preassegnati e distanziati e a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale, sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, con il numero massimo di 1000 spettatori per spettacoli all’aperto e di 200 spettatori per spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala;
  • restano comunque sospese le attivitĂ  che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso;
  • il servizio di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura, è assicurato a condizione che detti istituti e luoghi, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, nonchĂ© dei flussi di visitatori;
  • ferma restando la ripresa delle attivitĂ  dei servizi educativi e dell’attivitĂ  didattica delle scuole di ogni ordine e grado secondo i rispettivi calendari, le istituzioni scolastiche continuano a predisporre ogni misura utile all’avvio nonchĂ© al regolare svolgimento dell’anno scolastico 2020/2021;
  • le attivitĂ  di centri benessere, di centri termali, di centri culturali e di centri sociali sono consentite a condizione che le Regioni e le Province autonome abbiano preventivamente accertato la compatibilitĂ  dello svolgimento delle suddette attivitĂ  con l’andamento della situazione epidemiologica nei propri territori;
  • l’accesso di parenti e visitatori a strutture di ospitalitĂ  e lungo degenza, residenze sanitarie assistite (RSA), hospice, strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, è limitata ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura, che è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione;
  • le attivitĂ  inerenti ai servizi alla persona sono consentite a condizione che le Regioni e le Province autonome abbiano preventivamente accertato la compatibilitĂ  dello svolgimento delle suddette attivitĂ  con l’andamento della situazione epidemiologica nei propri territori;
  • le attivitĂ  delle strutture ricettive sono esercitate a condizione che sia assicurato il mantenimento del distanziamento sociale, garantendo comunque la distanza interpersonale di sicurezza di un metro negli spazi comuni;
  • sull’intero territorio nazionale tutte le attivitĂ  produttive industriali e commerciali rispettano i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 24 aprile 2020 fra il Governo e le parti sociali.

Qui il DPCM del 13 ottobre 2020

Condividi questa notizia