CULTURA: PREMIO “SALVA LA TUA LINGUA LOCALE”, AL VIA LE ISCRIZIONI PER L’OTTAVA EDIZIONE


COMUNICATO STAMPA  

Per le opere delle categorie prosa, poesia, teatro, fumetto e musica, e per il riconoscimento intitolato a Tullio De Mauro la scadenza è il 16 ottobre

CULTURA: PREMIO “SALVA LA TUA LINGUA LOCALE”, AL VIA LE ISCRIZIONI PER L’OTTAVA EDIZIONE  

 

Roma)  La conferma di una formula vincente e l’introduzione di piccole novità. Parte con i migliori auspici l’ottava edizione del premio letterario nazionale “Salva la tua lingua locale”.

Alla ratifica delle categorie, tutte a tema libero, già presenti nella scorsa edizione, prosa (edita e inedita), poesia (edita e inedita), teatro (inedito) e musica, si aggiunge l’introduzione di quella dedicata ai fumetti.

Pienamente confermato anche il premio intitolato a Tullio De Mauro dedicato a lavori scientifici editi o inediti: saggi, tesi di laurea, studi su dialetti e/o lingue locali e dizionari; l’illustre linguista fino alla sua scomparsa ha ricoperto anche l’incarico di presidente onorario del concorso.

I partecipanti dovranno far pervenire le opere entro il 16 ottobre, la proclamazione è in programma nel mese di dicembre a Roma nella Sala della Protomoteca del Campidoglio. Per tutti i dettagli si rinvia al bando consultabile all’indirizzo internet http://www.salvalatualingualocale.it/.

Il premio “Salva la tua lingua locale” è istituito dall’Unione Nazionale delle Pro Loco (Unpli) e da Ali Autonomie Locali Italiane – Lazio (ALI Lazio) ed è organizzato in collaborazione con il Centro Internazionale Eugenio Montale e, per la sezione “Scuola, con  l’Ong “Eip-Scuola Strumento di Pace”.

Tappe differenziate, invece, per la sezione “Scuola”: il termine per l’invio delle proposte e la data della proclamazione saranno resi noti successivamente.

Sin dalla prima edizione del premio, inoltre, viene effettuata la registrazione audio e l’archiviazione di tutti gli elaborati inediti presentati; i contributi così entrano a far parte di “Memoria Immateriale”  un canale youtube che costituisce l’inventario on line delle tradizioni italiane: un prezioso archivio, unico nel suo genere, voluto ed implementato dall’Unione Nazionale delle Pro Loco, accreditata dal 2012 presso l’UNESCO.

Gli elaborati dei vincitori e dei finalisti delle singole categorie, infine, vengono raccolti ogni anno in un’apposita antologia che è disponibile anche in formato digitale  sul sito del premio.

 

 

 

Condividi questa notizia